ServiziMenu principale

<< Torna a "Ricerca Studi"

Adjuvant Immunotherapy in Patients With Resected Gastric Cancer Following Preoperative Chemotherapy With High Risk for Recurrence (N+ and/or R1): an Open Label Randomized Controlled Phase-2-study - VESTIGE

Studio Clinico

Patologia: Neoplasie dello stomaco, Tumori dell’esofago

Osservazionale-Sperimentale: Sperimentale

Monocentrico-Multicentrico: Multicentrico

Randomizzato: 

Fase di studio: II Randomizzato

Richiesta mandatoria di tessuto: 

Linee di trattamento: Adiuvante/neoadiuvante

Criteri di inclusione: 

- Adenocarcinoma gastrico o della giunzione EG istologicamente dimostrato
- I pazienti devono aver completato la chemioterapia preoperatoria con un regime contenente fluoropirimidine-platino ed essere stati sottoposti a un intervento chirurgico macroscopicamente completo prima della randomizzazione
- La durata della chemioterapia neoadiuvante deve essere di almeno 6 settimane e non superiore a 12 settimane
- Per i tumori gastrici e i tumori giunzionali di tipo III in base alla classificazione di Siewert deve essere stata eseguita una gastrectomia totale o distale con linfoadenectomia D2 secondo le linee guida ESMO. Per i tumori giunzionali di tipo I in base alla
classificazione di Siewert deve essere stata eseguita una esofagectomia secondo Ivor Lewis o secondo McKeown con
linfoadenectomia a due campi. Per i tumori di tipo II in base alla classificazione di Siewert deve essere stata eseguita una
gastrectomia totale con linfoadenectomia D2 oppure una esofagectomia con linfoadenectomia a due campi. A condizione
che siano soddisfatti i requisiti di cui sopra, sono considerati accettabili eventuali approcci chirurgici in open, minimamente
invasivi o ibridi
- A prescindere dal tipo di intervento chirurgico, è necessario che sia stato asportato e analizzato un minimo di 15 linfonodi
- Un team muldisciplinare dovrà stabilire che i pazienti abbiano recuperato dopo l’intervento chirurgico e siano idonei a ricevere
il trattamento previsto dallo studio. Idealmente, l’intervento chirurgico dovrebbe essere eseguito nei 2 mesi precedenti la
randomizzazione
Lo stato ypN1-3 dovrà essere stabilito secondo la versione in vigore (8°) del Sistema di classificazione TNM. In caso di ypN0, i
pazienti potranno essere inclusi soltanto in presenza di un intervento di resezione R1
La resezione R0 o R1 dovrà essere stabilita in base alla versione in vigore (8°) del Sistema di classificazione TNM. In caso di resezione R0, i pazienti potranno essere inclusi se presentano uno stato ypN1-3
- Disponibilità dei referti operatori e patologici per la consultazione
- WHO performance status di 0 o 1
- Età ≥18 anni
- Adeguata funzione d’organo, valutata nei 7 giorni precedenti la randomizzazione:
- Conta dei globuli bianchi (GB) >2 x 109/l
- Conta assoluta dei neutrofili (ANC) >1,5 x 109/l
- Piastrine ≥100 × 109/l
- Emoglobina ≥9 g/dl
- Clearance della creatinina misurata/calcolata ≥60 ml/min (secondo la formula di Cockcroft-Gault)
- Bilirubina totale entro i limiti normali (≤1,5 x il limite superiore della norma [ULN] o bilirubina diretta ≤ l’ULN in presenza di
sindrome di Gilbert documentata)
- Aspartato transaminasi (AST) e alanina transaminasi (ALT) ≤1,5 x l’ULN
- ECG a 12 derivazioni normale e, se clinicamente indicato, valutazione della funzione cardiaca nella norma. Nessuna malattia
o condizione medica di natura cardiaca seria negli ultimi 6 mesi, tra cui, a titolo esemplificativo:
- Anamnesi di insufficienza cardiaca congestizia (ICC) documentata
- Aritmie non controllate ad alto rischio
- Angina pectoris che richiede terapia antianginosa
- Valvulopatia cardiaca clinicamente significativa
- Evidenza di infarto transmurale all’ECG
- Ipertensione scarsamente controllata (per es., sistolica >180 mmHg o diastolica superiore a 100 mmHg)
- Tutte le tossicità (ad eccezione dell’alopecia) attribuite alla precedente terapia antitumorale devono essere risolte completamente o a un grado 1 (CTCAE versione 5.0) prima della somministrazione del trattamento dello studio
- I soggetti con diabete mellito di tipo I, ipotiroidismo residuo dovuto a tiroidite autoimmune che richieda soltanto una terapia
ormonale sostitutiva, disturbi cutanei (come vitiligine, psoriasi o alopecia) che non richiedano un trattamento sistemico possono
essere arruolati nello studio
- Disponibilità di tessuto tumorale resecato per la conservazione in biobanca/la ricerca traslazionale (TR)
- Le donne fertili (WOCBP) devono presentare un test di gravidanza sul siero o sulle urine negativo (sensibilità minima pari a 25 UI/l o unità equivalenti di gonadotropina corionica umana [HCG]) nelle 24 ore precedenti la randomizzazione
- I pazienti fertili/dotati di potenziale riproduttivo devono utilizzare metodi contraccettivi altamente efficaci durante il periodo di
trattamento dello studio e per almeno 5 mesi dopo l’ultimo trattamento dello studio. È definito altamente efficace un metodo
contraccettivo che presenti un basso tasso d’insuccesso (ovvero, inferiore all’1% all’anno) se utilizzato regolarmente e
correttamente
- I soggetti di sesso femminile che allattano devono interrompere l’allattamento prima della prima dose di trattamento dello studio e fino a 5 mesi dopo l’ultimo trattamento dello studio
- Assenza di qualunque condizione psicologica, familiare, sociologica o geografica che costituisca un potenziale ostacolo alla
compliance al trattamento previsto dallo studio e al programma di follow-up; tali condizioni devono essere discusse con il paziente
prima della registrazione nella studio
- Prima della registrazione/randomizzazione, il paziente deve fornire il consenso informato scritto secondo le norme della
Conferenza internazionale per l’armonizzazione/Buona pratica clinica (ICH/GCP) e le disposizioni nazionali/locali.

Criteri di esclusione: 

- Stato di resezione R2
- Stadio M1 secondo la versione in vigore (8°) del Sistema di classificazione TNM
- Pazienti sottoposti a resezione completa delle metastasi
- Insufficienza renale, epatica, cardiaca, polmonare o alterazioni endocrine o tali da compromettere l’eleggibilità del paziente alla
chemioterapia o immunoterapia postoperatoria
- Pregresse diagnosi di tumori ad eccezione dei casi in cui si sia verificata una remissione completa da almeno 5 anni prima di
accedere allo studio. Il carcinoma cervicale in situ adeguatamente trattato e le forme localizzate di tumore cutaneo non melanoma
non rappresentano criteri di esclusione, a prescindere da quanto tempo prima siano stati diagnosticati
- Malattie infettive o autoimmuni in atto, nota o sospetta
- I pazienti che hanno ricevuto un trattamento antibiotico nei 14 giorni precedenti la randomizzazione sono esclusi
- Soggetti con una condizione che richieda un trattamento sistemico con corticosteroidi (≥10 mg al giorno di prednisone o equivalente) o altri farmaci immunosoppressori nei 14 giorni precedenti la somministrazione del farmaco dello studio
- Malattia interstiziale polmonare sintomatica o in grado di interferire con la rilevazione o la gestione di una sospetta tossicità
polmonare farmaco-correlata
- Neuropatia periferica di grado >1
- Precedente trattamento con un anticorpo anti-PD-1), anti-PDL1), anti-PD-L2, anti-CD137 o anti- CTLA-4, o con qualsiasi altro
anticorpo o farmaco specificamente diretto contro le vie di costimolazione delle cellule T o del checkpoint immunitario
- Trattamento precedente o concomitante con radioterapia/chemioradioterapia
- Qualsiasi risultato positivo del test per il virus dell’epatite B (HBV) o C (HCV) che indichi un’infezione acuta o cronica
- Anamnesi nota di positività del test per il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) oppure sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) nota
- Ipersensibilità nota e non controllabile ai componenti di cisplatino/oxaliplatino, fluorouracile (5-FU) o capecitabina, epirubicina o docetaxel
- Deficit noto della diidropirimidina deidrogenasi (DPD)
- Uso in corso o concomitante del farmaco antivirale sorivudina o di analoghi chimicamente correlati come brivudina.

Trattamento sperimentale: 

Nivolumab+Ipilimumab

Trattamento di controllo: 

Completamento del trattamento perioperatorio secondo le linee guida 2016 della Società europea di Oncologia medica (ESMO) (non sono consentite modifiche del regime).

Obiettivi primari dello studio: 

L’obiettivo primario della sperimentazione è valutare se la combinazione di nivolumab più ipilimumab somministrata come trattamento adiuvante migliori la sopravvivenza libera da malattia (DFS) in pazienti affetti da adenocarcinoma gastrico e della giunzione esofagogastrica (GEG) in stadio Ib-IVa e ad alto rischio di ricorrenza (definito dallo stato ypN1-3 e/o R1) dopo chemioterapia neoadiuvante e resezione.

Obiettivi secondari dello studio: 

- Valutare la sicurezza e l’effetto dell’immunoterapia adiuvante sui risultati oncologici a lungo termine e sulla qualità della vita dei pazienti partecipanti allo studio
- Correlare la valutazione dello stato nutrizionale con i risultati a lungo termine e la qualità della vita dei pazienti

Centri partecipanti

Nord Italia

Istituto Europeo di Oncologia
Via Ripamonti 435 - 20141 Milano - MI

 

Sud Italia e isole

Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione Pascale
Via Mariano Semmola - 80131 Napoli - NA

Riferimento: Dr. Antonio Avallone
Telefono: 0815903360
Email: a.avallone@istitutotumori.na.it

Informazioni Generali

Protocollo

Numero di iscrizione a registro: 2018-000406-36

Data di inserimento: 18.02.2021

Promotore

European Organisation for Research and Treatment of Cancer - EORTC

CRO

NA

Principal Investigator ITALIA

Istituto Nazionale Tumori di Napoli Fondazione G. Pascale

Riferimento: Dr. Antonio Avallone

Telefono: 0815903360

Email: a.avallone@istitutotumori.na.it

Localita: Napoli

 

<< Torna a "Ricerca Studi"