ServiziMenu principale

<< Torna a "Tutti gli studi"

JAVELIN Bladder 100 B9991001 - Studio di Fase 3, multicentrico, multinazionale, randomizzato, in aperto a gruppi paralleli di avelumab (MSB0010718C) in aggiunta alla terapia di supporto ottimale a confronto con la sola terapia di supporto ottimale come trattamento di mantenimento in pazienti con cancro uroteliale metastatico localmente avanzato che non abbiano avuto progressione della malattia dopo il completamento della prima linea di chemioterapia a base di platino.

Studio Clinico

Patologia: Carcinoma della vescica

Osservazionale-Sperimentale: Sperimentale

Monocentrico-Multicentrico: Multicentrico

Randomizzato: 

Fase di studio: III

Richiesta mandatoria di tessuto: 

Linee di trattamento: Mantenimento

Criteri di inclusione: 

- Diagnosi di Carcinoma a cellule transizionali localmente avanzato o metastatico non asportabile chirurgicamente dell'urotelio confermato istologicamente. Patologia al 4° stadio documentata (T4b, N0, M0; qualsiasi T, N1–N3, M0; qualsiasi T, qualsiasi N, M1) all’inizio della chemioterapia di prima linea. Malattia misurabile prima dell’inizio della chemioterapia di prima di linea mediante RECIST v1.1.

- La chemioterapia di prima linea precedente deve essere costituita da almeno 4 cicli e non più di 6 cicli di gemcitabina + cisplatino e/o gemcitabina + carboplatino. In questo studio non sono consentiti altri regimi chemioterapici.

- Pazienti senza progressione della malattia come da linee guida RECIST v1.1 (ovvero, CR, PR o SD in corso) dopo il completamento di 4 - 6 cicli di chemioterapia di prima linea.

- Fornitura di un blocco di tessuto tumorale recente fissato in formalina incluso in paraffina (FFPE) (vetrini non accettabili) dalla biopsia o resezione del tumore primario o metastatico più recente ottenuto prima del trattamento con chemioterapia di prima linea, ma entro un anno dalla randomizzazione, senza alcuna terapia antitumorale sistemica intermedia.

- Prova di consenso informato firmato e datato

- Pazienti disponibili e capaci di rispettare le visite in programma, i piani di trattamento, le prove di laboratorio e le altre procedure dello studio.

- Età maggiore 18 anni.

- Aspettativa di vita stimata di almeno 3 mesi.

- PS ECOG 0 o 1.

- Funzione del midollo osseo, renale ed epatica adeguata.

- Test di gravidanza sul sangue (per donne in età fertile) con risultato negativo al momento dello screening.

- I pazienti di sesso maschile in grado di concepire e pazienti di sesso femminile in età fertile e a rischio di gravidanza devono utilizzare 2 metodi contraccettivi di elevata efficacia durante l’intera durata dello studio e per almeno 60 giorni dopo l’ultima dose di trattamento assunta.

Criteri di esclusione: 

- Pazienti con progressione della malattia come determinato da RECIST v1.1 durante o dopo la chemioterapia di prima linea per il carcinoma uroteliale

- Terapia adiuvante o neoadiuvante  precedente, entro 12 mesi dalla randomizzazione.

- Interventi chirurgici maggiori o trattamenti radioterapici maggiori rispettivamente ≤4 settimane e ≤2 settimane prima della randomizzazione. La radioterapia palliativa precedente (≤10 frazioni) di lesioni metastatiche è consentita, purché sia stata completata almeno 48 ore prima della randomizzazione dei pazienti.

- Pazienti con metastasi note del sistema nervoso centrale che richiedano steroidi.

- Tossicità persistente legata a precedente terapia, con grado >1 sulla scala CTCAE dell’NCI v4.0; tuttavia la neuropatia sensoriale di grado ≤ 2 è considerata accettabile.

- Diagnosi di qualunque altro tumore maligno nei 5 anni precedenti alla randomizzazione, ad eccezione del carcinoma della pelle a cellule basali o squamose, carcinoma al seno o al collo dell’utero o cancro alla prostata di basso grado (Gleason ≤ 6) in osservazione, per il quale non sono previsti interventi .

- Malattia autoimmunitaria attiva che potrebbe peggiorare in seguito alla somministrazione di un agente immunostimolante.

- Pazienti che abbiano riscontrato una delle seguenti condizioni nei 6 mesi precedenti: infarto miocardico acuto, angina grave/instabile, bypass aorto-coronarico/periferico, insufficienza cardiaca congestizia sintomatica, ictus cerebrale, attacco ischemico transitorio, trombosi venosa profonda o embolia polmonare sintomatica

- Infezione attiva per la quale è necessaria terapia sistemica.

- Reazioni di ipersensibilità conosciute agli anticorpi monoclonali (Grado  ³3), qualunque caso di anafilassi o asma non controllata.

- Uso corrente o precedente di farmaci immunosoppressivi entro 7 giorni prima della
randomizzazione.

- Diagnosi di precedente immunodeficienza o trapianto di organo richiedenti terapia immunosoppressiva

- Test positivo all’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) o sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) nota.

- Qualunque test per il virus dell’epatite B (HBV) o epatite C (HCV) indicante infezione acuta o cronica.

- La vaccinazione è proibita entro le 4 settimane dalla prima dose del trattamento dello studio e durante la sperimentazione ad eccezione dei vaccini inattivati

Numero di pazienti previsti: 

668 in totale, 90 in Italia

Schema di trattamento: 

- Ai pazienti randomizzati con avelumab piu` BSC (Braccio A) verra` somministrato avelumab come infusione endovenosa (IV) di 1 ora (IV) alla dose di 10 mg/kg una volta ogni 2 settimane (Q2W) insieme alla BSC .

- I pazienti randomizzati a BSC in monoterapia (Braccio B) saranno trattati come ritenuto opportuno dal medico curante. Questo potrebbe includere trattamento con antibiotici, supporto nutrizionale, correzione dei disturbi metabolici, controllo dei sintomi e gestione del dolore ottimali (compresa radioterapia palliativa) ecc. La BSC non include alcuna terapia antitumorale attiva; tuttavia, la radioterapia locale di lesioni isolate con intento palliativo e` accettabile

Trattamento sperimentale: 

Avelumab + Terapia di supporto ottimale

Trattamento di controllo: 

Terapia di supporto ottimale

Obiettivi primari dello studio: 

Dimostrare il beneficio del trattamento di mantenimento con avelumab più BSC vs. BSC in monoterapia nel prolungare la sopravvivenza complessiva (OS) nei pazienti con CU non asportabile chirurgicamente localmente avanzato o metastatico senza progressione della malattia durante o dopo il completamento della chemioterapia di prima linea a base di platino in ciascuna popolazione co-primaria di pazienti affetti da CU: 1) pazienti per i quali sia stata determinata la presenza di tumori PD-L1-positivi (comprese cellule immunitarie infiltranti) mediante un test PD-L1 IHC GMP verificato, e 2) tutti i pazienti randomizzati.

Periodo previsto di arruolamento: 4 anni e 7 mesi

Centri partecipanti

Nord Italia

Ospedale S.Orsola Malpighi, Università di Bologna
Via Pietro Albertoni 15 - 40138 Bologna - BO

Riferimento: Prof. Andrea Ardizzoni
Telefono: 0512142206
Email: andrea.ardizzoni@aosp.bo.it

 

IRCCS - IRST
Via P. Maroncelli 40 - 47014 Meldola - FC

Riferimento: Dr. Ugo De Giorgi
Email: ugo_degiorgi@yahoo.com

 

IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori
Via Venezian 1 - 20133 Milano - MI

Riferimento: Dr. Andrea Necchi
Email: andrea.necchi@istitutotumori.mi.it

 

Istituto Europeo di Oncologia
Via Ripamonti 435 - 20141 Milano - MI

Riferimento: Dr. Franco Nolè
Email: franco.nole@ieo.it

 

Istituto Clinico Humanitas Rozzano
Via Manzoni 56 - 20089 Rozzano - MI

Riferimento: Prof. Armando Santoro
Email: armando.santoro@umanitas.it

 

A.O.U. “ Maggiore della Carità”
Corso Mazzini 18 - 28100 Novara - NO

Riferimento: Dr.ssa Alessandra Mosca
Email: principal.investigator@gmail.com

 

IRCCS Policlinico San Matteo
Viale Golgi 19 - 27100 Pavia - PV

Riferimento: Dr. Camillo Porta
Email: c.porta@smatteo.pv.it

 

IRCCS Candiolo (TO)
St.Provinciale Km 3,95 SP142 - 10060 Candiolo - TO

Riferimento: Prof. Massimo Aglietta
Email: massimo.aglietta@ircc.it

 

Centro Italia

Istituto Toscano Tumori Ospedale San Donato
Via Pietro Nenni 20 - 52100 Arezzo - AR

Riferimento: Dr. Seergio Bracarda
Email: sergio.bracarda@uslsudest.toscana.it

 

AOU Pisana - Santa Chiara
Via Roma 67 - 56126 Pisa - PI

Riferimento: Dr. Sergio Ricci
Email: s.ricci@ao-pisa.toscana.it

 

Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini
Via Portuense 332 - 00149 Roma - RM

Riferimento: Prof.ssa Cora Sternberg
Telefono: 0658704846
Email: csternberg@scamilloforlanini.rm.it

 

AO S. Maria Terni
Via Tristano di Joannuccio 1 - 05100 Terni - TR

Riferimento: Dr. Fausto Roila
Email: roila.fausto@libero.it

 

Sud Italia e isole

AORN “Antonio Cardarelli"
Via A. Cardarelli 9 - 80131 Napoli - NA

Riferimento: Prof. Giacomo Cartenì
Email: cartenigiacomo@gmail.com

 

Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione Pascale
Via Mariano Semmola - 80131 Napoli - NA

Riferimento: Dr.ssa Rosa Tambaro

Informazioni Generali

Protocollo

Numero di iscrizione a registro: 2015-003262-86

Data di inserimento: 04.10.2016

Promotore

Pfizer, Inc

CRO

PPD GLOBAL LTD

Principal Investigator ITALIA

Riferimento: Dr.ssa Cora Sternberg

Telefono: 0658704846

Email: csternberg@sancamilloforlanini.rm.it

Localita: Roma

 

<< Torna a "Tutti gli studi"