ServiziMenu principale

<< Torna a "Tutti gli studi"

Studio di fase 1/2 dell’associazione di acido valproico e capecitabina con la radioterapia short-course, quale trattamento preoperatorio nei pazienti con carcinoma del retto a rischio basso-intermedio - V-shoRT-R3

Studio Clinico

Patologia: Tumori del colon retto

Osservazionale-Sperimentale: Sperimentale

Monocentrico-Multicentrico: Monocentrico

Randomizzato: 

Fase di studio: I, I B, II

Richiesta mandatoria di tessuto: 

Linee di trattamento: Adiuvante/neoadiuvante

Criteri di inclusione: 

  • Pazienti con diagnosi istologica di adenocarcinoma del retto che rientri in una delle seguenti categorie:
    - T2N0 localizzato a <2 cm dal margine anale
    - T2N1 o T3N0-N1, localizzato a >5 cm e <12 cm dal margine anale con infiltrazione del grasso perirettale a <1 mm dalla fascia mesorettale (MRF), valutata con RMN
  • Età ≥18 e ≤ 70
  • Performance Status secondo ECOG ≤1
  • Contraccezione efficace per entrambi i sessi se potenzialmente fertili
  • Consenso informato

Criteri di esclusione: 

  • Qualsiasi trattamento precedente per il cancro del retto
  • Precedente radioterapia pelvica
  • Presenza di malattia metastatica
  • Recidiva di tumore del retto
  • Paziente con storia di Adenomatosi Poliposica Familiare (FAP) o di Cancro Colorettale Non-Poliposico Ereditario (HNPCC)
  • Malattia infiammatoria intestinale in atto o pregressa
  • Altra neoplasia maligna concomitante negli ultimi 5 anni, fatta eccezione per il carcinoma basocellulare della cute o il carcinoma in situ della cervice uterina adeguatamente trattati (i pazienti con precedente neoplasia maligna ma senza
    evidenza di malattia negli ultimi 5 anni sono eleggibili per lo studio)
  • Neutrofili < 2000/mm3 o piastrine < 100.000/ mm3 o emoglobina <9 g/dl.
  • Livelli di creatinina indicativi di clereance renale <50 ml/min
  • GOT e/o GPT > 2.5 volte il limite del valore normale e/o bilirubina >1.5 volte il limite del valore normale
  • Comorbilità cardiovascolare significativa (es. infarto del miocardio, sindrome della vena cava superiore [SVC], pazienti con frazione d’eiezione <50%) o presenza di una malattia cardiaca che a giudizio dello sperimentatore aumenti il rischio di
    aritmia ventricolare
  • Storia di aritmia (battiti ventricolari multifocali prematuri [PVCs], bigeminismo, trigeminismo, tachicardia ventricolare, fibrillazione atriale non controllata) che sia sintomatica o richieda trattamento (CTCAE grado 3) o tachicardia ventricolare sostenuta asintomatica.
  • Pazienti con sindrome del QT lungo o con QT>480 msec o che siano in trattamento farmacologico con farmaci che prolungano il QTc 
  • Deficienza nota della diidropirimidina deidrogenasi (DPD)
  • Pazienti HIV positivi
  • Pazienti che non possono assumere farmaci per via orale, che richiedano alimentazione parenterale, che hanno subito precedenti interventi chirurgici che influenzano l’assorbimento o con ulcera peptica in fase attiva.
  • Ipersensibilità nota o sospetta a qualunque dei farmaci oggetto dello studio.
  • Pazienti che hanno ricevuto precedenti trattamenti con inibitori di HDAC e pazienti che hanno ricevuto composti con attività analoga a quella degli inibitori di HDAC, quali ad esempio l’acido valproico.
  • Patologie concomitanti scompensate che potrebbero controindicare i farmaci in studio.
  • Procedure chirurgiche maggiori nei 28 giorni precedenti l’inizio del trattamento dello studio.
  • Donne in gravidanza o in allattamento.
  • Donne in età fertile con un test per gravidanza positivo o che non abbiano fatto alcun test per gravidanza al basale. (NB. Le donne in postmenopausa devono essere amenorroiche da almeno 12 mesi per essere considerate non potenzialmente fertili)
  • Donne e uomini potenzialmente fertili, che non siano disposti all’impego di un’adeguata contraccezione durante la partecipazione allo studio.

Trattamento sperimentale: 

capecitabina, acido valproico, radioterapia preoperatora short-course

Trattamento di controllo: 

Fase 2

  • radioterapia short-course (SCRT)
  • acido valproico + radioterapia short-course (V-SCRT)
  • capecitabine + radioterapia short-course (C-SCRT)
  • acido valproico + capecitabine + radioterapia short-course (VC-SCRT)

Obiettivi primari dello studio: 

  • Fase 1: determinare la dose massima tollerata (MTD) di capecitabina, in monoterapia o in combinazione con l’acido valproico, in associazione alla radioterapia preoperatoria short-course (SCRT)
  • Fase 2 (comparativo):
    - valutare se l’aggiunta di acido valproico alla radioterapia short-course prima di una chirurgia ottimale incrementa il tasso di regressioni tumorali patologiche complete (TRG1) nel paziente affetto da cancro del retto a rischio basso-intermedio.
    - valutare se l’aggiunta di capecitabina alla radioterapia short-course prima di una chirurgia ottimale incrementa il tasso di regressioni tumorali patologiche complete (TRG1) nel paziente affetto da cancro del retto a rischio basso-intermedio.

Obiettivi secondari dello studio: 

  • Comparare, nell’ambito di ciascun confronto pianificato nella fase 2:
    - controllo locale, sopravvivenza libera da malattia e sopravvivenza globale.
    - tasso di margini di resezione circonferenziale (CRM) negativi (margini >1 mm) e tasso di linfonodi negativi all’esame istologico
    - tossicità a breve e lungo termine
    - complicanze chirurgiche
    - qualità della vita
  • Validare il ruolo predittivo dei cambiamenti metabolici precoci a carico della neoplasia misurati con esame PET (sia nella fase 1 che 2)
  • Esplorare l’accuratezza diagnostica della biopsia rettale pre-chirurgica (sia nella fase 1 che 2).
  • Studio di biomarcatori su tessuto tumorale e campioni di sangue

Note generali: 

La richiesta di tessuto è mandatoria solo nella Fase 2 (Studio multicentrico randomizzato di Fase 2, con due distinte finestre temporali e due schemi di randomizzazione).

Centri partecipanti

Sud Italia e isole

Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione Pascale
Via Mariano Semmola - 80131 Napoli - NA

Riferimento: Dr. Antonio Avallone
Telefono: 0815903360
Email: a.avallone@istitutotumori.na.it

Informazioni Generali

Protocollo

Numero di iscrizione a registro: 2012-002831-28

Data di inserimento: 18.01.2018

Promotore

Istituto Nazionale dei Tumori (INT) di Napoli - IRCCS - Fondazione G. Pascale

CRO

NA

Principal Investigator ITALIA

Istituto Nazionale dei Tumori (INT) di Napoli - IRCCS - Fondazione G. Pascale 

Riferimento: Dr. Antonio Avallone

Telefono: 0815903360

Email: a.avallone@istitutotumori.na.it

Localita: Napoli

 

<< Torna a "Tutti gli studi"