ServiziMenu principale

<< Torna a "Tutti gli studi"

Studio multicentrico di fase II non randomizzato a braccio singolo su Regorafenib come trattamento di prima linea, in Pazienti affetti da GIST KIT/PDGFRA Wild Type in fase metastatica o non operabile

Studio Clinico

Patologia: Sarcomi dei tessuti molli e gist

Osservazionale-Sperimentale: Sperimentale

Monocentrico-Multicentrico: Multicentrico

Randomizzato: No

Fase di studio: II

Richiesta mandatoria di tessuto: 

Linee di trattamento: Prima linea

Criteri di inclusione: 

  • Consenso informato scritto prima dello svolgimento delle specifiche procedure e valutazioni previste dallo studio. Esiti di esami clinici di routine (ad esempio emocromo, test di imaging, ecc) ottenuti prima della firma del consenso informato possono essere utilizzati per lo screening purché queste procedure siano condotte come specificato nel protocollo.
  • Pazienti adulti ≥ 18 anni, maschi e femmine
  • Diagnosi istologica di GIST KIT/PDGFRA wild-type, non operabile o metastatico (confermata dal laboratorio centralizzato). Dovrà essere fornito un blocchetto del campione di tumore in paraffina.
  • Precedente analisi mutazionale negli esone 9,11,13 e 17 del gene KIT e negli esoni 12 e 18 del gene PDGFRA.
  • Malattia misurabile secondo i criteri RECIST.
  • Performance Status ECOG (Eastern CooperativeOncology Group) 0-1
  • Adeguata funzionalità midollare, epatica e renale valutata con i seguenti esami di laboratorio nei 7 giorni prima dell’inizio del trattamento:
  • Donne potenzialmente fertili e pazienti di sesso maschile devono acconsentire all’utilizzo di un adeguato metodo contraccettivo dal momento della firma del consenso informato fino almeno a 3 mesi dopo l’ultima assunzione di farmaco sperimentale.
  • Donne potenzialmente fertili debbono avere test di gravidanza negativo sul sangue o urine effettuato entro al massimo 7 giorni prima dell’inizio della terapia. Il risultato negativo di questi test deve essere documentato prima dell’inizio del trattamento.

Criteri di esclusione: 

  • Precedente trattamento per la malattia in fase avanzata. I Pazienti che hanno ricevuto Imatinib in setting adiuvante sono eleggibili se ricaduti dopo almeno 6 mesi dalla fine del trattamento con Imatinib
  • Altro tipo di tumore nei 5 anni precedenti all’ ingresso in studio. Fanno eccezione il carcinoma in situ della cervice uterina trattato, carcinoma cutaneo non menaloma, carcinoma superficiale della vescica Ta (Non Invasive tumor), e Tis (Carcinoma in situ)
  • Procedure chirurgiche maggiori, biopsia in aperto o altra ferita-trauma significativo, nei 28 giorni precedenti l’inizio del trattamento
  • Insufficienza cardiaca congestizia di classe NYHA ≥ 2
  • Angina instabile (sintomi di angina a riposo, insorgenza di angina nei 3 mesi precedenti l’inizio del trattamento) o infarto del miocardio (IM) nei 6 mesi precedenti l’inizio del trattamento in studio.
  • Aritmia cardiaca che richiede una terapia antiaritmica (l’impiego di beta-bloccanti o digossina è permesso).
  • Ipertensione non controllata (valori di pressione sistolica> 140 mmHg o diastolica> 90mmHg, nonostante trattamento farmacologico).
  • Soggetti con feocromocitoma.
  • Eventi trombotici o embolici arteriosi quali attacco cerebrovascolare (incluso attacco ischemico transiente), o embolia polmonare nei 6 mesi precedenti l’inizio dello studio.
  • Eventi di trombosi venosa, quali trombosi venosa profonda nei 3 mesi precedenti l’inizio dello studio.
  • Infezione in corso di grado >2 secondo NCI-CTCAE 4.03
  • Storia di infezione da virus dell’Immunodeficienza (HIV).
  • Soggetti con crisi convulsive che richiedono trattamento
  • Metastasi cerebrali sintomatiche o tumori ad interessamento meningeo.
  • Soggetti con storia di trapianto allogenico.
  • Soggetti con anamnesi o evidente diastesi emorragica. Qualsiasi emorragia o episodio di sanguinamento di grado ≥3 secondo CTCAE 4.03, nelle 4 settimane precedenti l’inizio del trattamento.
  • Ferite non rimarginate, ulcere o fratture ossee.
  • Insufficienza renale che richieda emodialisi o dialisi peritoneale
  • Disidratazione di grado ≥ 1secondo CTCAE 4.03
  • Abuso di sostanze, o qualsiasi condizione medica, psicologica o sociale che possa interferire con la partecipazione del soggetto nello studio o nella valutazione dei risultati dello studio.
  • Nota ipersensibilità al farmaco in studio, alla classe di farmaco o eccipienti utilizzate nella formulazione impiegata.
  • Qualsiasi malattia o condizione medica instabile che possa mettere a repentaglio la sicurezza del soggetto o la sua capacità di essere compliante con le procedure e richieste dello studio
  • Malattia polmonare interstiziale con segni e sintomi presenti al momento dello screening.
  • Soggetti incapaci di deglutire farmaci per via orale
  • Persistente proteinuria di grado 3 o superiore (>3.5g/24hrs) secondo la versione 4.03 NCI-CTCAE, misurata tramite rapporto proteina creatinina su campioni presi a caso
  • Qualsiasi condizione di malassorbimento.
  • Frazione di eiezione ventricolare sinistra LVEF< 50% or al di sotto del limite inferiore di normalità previsto dall’Istituto
  • Versamento pleurico o ascite che causa una compromissione respiratoria (Dispnea di grado ≥ 2 secondo CTCAE 4.03

Numero di pazienti previsti: 

33

Schema di trattamento: 

Regorafenib: 4 compresse (40 mg) al giorno, per una dose totale di 160 mg.

Tre settimane di trattamento e una settimana di intervallo (cicli di 28 giorni). Il trattamento verrà proseguito fino a progressione e/o intolleranza.

Trattamento sperimentale: 

Regorafenib

Trattamento di controllo: 

/

Obiettivi primari dello studio: 

  • Tasso di controllo della malattia (Disease Control Rate - DCR)

Obiettivi secondari dello studio: 

  • Sopravvivenza libera da progressione (PFS);
  • Sopravvivenza globale (OS);
  • Risposta secondo i criteri CHOI
  • Correlazioni con la ricerca traslazionale
  • Valutazione della risposta precoce mediante PET (se clinicamente indicato)
  • Profilo di sicurezza in accordo a CTCAE 4.03

Studi collaterali: 

/

Note generali: 

/

Data di inizio dell'arruolamento: 01.05.2016

Centri partecipanti

Nord Italia

Ospedale S.Orsola Malpighi, Università di Bologna
Via Pietro Albertoni 15 - 40138 Bologna - BO

Riferimento: Dr.ssa Maria Abbondanza Pantaleo

 

Istituto Clinico Humanitas Rozzano
Via Manzoni 56 - 20089 Rozzano - MI

Riferimento: Prof. Armando Santoro

 

IRCCS Candiolo (TO)
St.Provinciale Km 3,95 SP142 - 10060 Candiolo - TO

Riferimento: Dr. Giovanni Grignani

 

Centro Italia

AOU Careggi
Largo Brambilla 3 - 50134 Firenze - FI

Riferimento: Dr.ssa Silvia Gasperoni

 

Università Campus Bio-medico
Via Álvaro del Portillo 200 - 00128 Roma - RM

Riferimento: Dr. Bruno Vincenzi

 

Sud Italia e isole

Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione Pascale
Via Mariano Semmola - 80131 Napoli - NA

Riferimento: Dr. Antonio Apice

 

AOU Policlinico Paolo Giaccone
Via del Vespro 129 - 90127 Palermo - PA

Riferimento: Dr. Antonio Russo

Informazioni Generali

Protocollo

Numero di iscrizione a registro: 2015-001048-12

Data di inserimento: 17.03.2017

Data di aggiornamento: 17.03.2017

Promotore

GRUPO ESPAÑOL DE INVESTIGACIÓN EN SARCOMAS

Riferimento: JAVIER MARTÍN BROTO

CRO

/

Principal Investigator ITALIA

INT Milano

Riferimento: Dr. Paolo Giovanni Casali

Telefono: 0223903287

Email: paolo.casali@istitutotumori.mi.it

Localita: Milano

 

<< Torna a "Tutti gli studi"