ServiziMenu principale

<< Torna a "Tutti gli studi"

Studio multicentrico, internazionale, non controllato di fase II per l’identificazione dei meccanismi molecolari di resistenza e sensibilità alla risomministrazione di palbociclib successivamente a progressione con un’associazione con palbociclib in pazienti affette da carcinoma mammario metastatico ER-positivo (BioPER)- MedOPPO89

Studio Clinico

Patologia: Neoplasie della mammella

Osservazionale-Sperimentale: Sperimentale

Monocentrico-Multicentrico: Multicentrico

Randomizzato: No

Fase di studio: II

Richiesta mandatoria di tessuto: 

Linee di trattamento: Seconda linea, Terza/N linea

Criteri di inclusione: 

1. Pazienti di sesso femminile di età superiore a 18 anni.
2. Donne in premenopausa a condizione che siano trattate con farmaci analoghi LHRH per
almeno 28 giorni prima dell’ingresso nello studio o donne in postmenopausa, definite come tali da
uno dei seguenti criteri:
a. Paziente di 60 anni o di età superiore.
b. Paziente di età compresa tra 45 e 59 anni che soddisfa ≥1 dei seguenti criteri:
i. Amenorrea per ≥24 mesi.
ii. Amenorrea per <24 mesi e assunzione di ormone follicolo-stimolante nel range
postmenopausale (incluse le pazienti con isterectomia, precedente terapia ormonale sostitutiva o
amenorrea indotta da chemioterapia).
c. Pazienti sottoposte a ovariectomia bilaterale.
3. Punteggio sulla scala ECOG (Eastern Cooperative Oncology Group) inferiore o uguale a 1.
4. Aspettativa di vita maggiore o uguale a 12 settimane.
5. Pazienti affette da carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico ricorrente HRpositivo
(ER e/o PR) e HER2-negativo confermato istologicamente (conformemente alle linee guida
NCCN e ASCO, è da considerarsi ER-positivo e PR-positivo il carcinoma mammario che presenti
almeno l’1% di cellule con stadiazione positiva per ER e PR).
6. Progressione della malattia confermata alla somministrazione immediatamente precedente di
palbociclib più terapia endocrina.
7. Ultima dose di palbociclib somministrata non più tardi di otto settimane prima dell’ingresso nello
studio e non prima di tre settimane da tale data.
8. Le pazienti devono essere state trattate con una dose stabile di palbociclib al livello minimo di
100 mg/die nelle ultime quattro settimane della precedente linea terapeutica con palbociclib.
9. Le pazienti hanno raggiunto i criteri di beneficio clinico nel precedente regime terapeutico a
base di palbociclib (definito in termini almeno di malattia stabile ≥24 settimane o di risposta parziale o
completa).
10. Nessun uso pregresso di una delle opzioni ragionevolmente utilizzate per la terapia endocrina:
tamoxifene, fulvestrant, letrozolo/anastrozolo o exemestano.
11. Le pazienti devono presentare malattia misurabile (secondo RECIST v.1.1).
12. Le pazienti acconsentono al prelievo di campioni ematici (biopsia liquida) e al prelievo di
campioni tumorali metastatici (biopsia) al momento dell’inclusione e a progressione (ove pertinente).
13. Non più di due precedenti linee di terapia endocrina per malattia metastatica.
14. Non più di una precedente linea di chemioterapia per malattia avanzata.
15. Funzionalità organica adeguata:
Ematologica: conta leucocitaria (WBC) >3,0 x 109/l, conta assoluta dei neutrofili (ANC) >1,0 x 109/l,
conta piastrinica >75,0 x109/l ed emoglobina >10,0 g/dl (>6,2 mmol/l).
Epatica: bilirubina <1,5 volte il limite superiore di normalità (x ULN); fosfatasi alcalina (ALP),
aspartato transaminasi (AST) e alanina transaminasi (ALT) <2,5 x ULN. Nota: le pazienti con ALP
≥2,5 x ULN sono idonee se le anomalie nell’ALP sono inequivocabilmente da ascrivere a lesioni
ossee (valutazioni radiologiche effettuate entro le 4 settimane precedenti la randomizzazione hanno
dimostrato la presenza di malattia metastatica ossea).
Renale: creatinina serica <1,5 x ULN.
16. Manifesta compliance della paziente e prossimità geografica in grado di consentire un
adeguato follow-up.
17. Le pazienti sono state informate circa la natura dello studio e hanno acconsentito a
parteciparvi, sottoscrivendo il modulo di consenso informato prima della partecipazione a qualsiasi
attività correlata allo studio.
18. Risoluzione di tutti gli effetti tossici acuti di terapia antitumorale o di procedure chirurgiche
precedenti al grado 1 nella definizione dei Criteri comuni di terminologia per gli eventi avversi
(CTCAE) del National Cancer Institute (NCI) v.4.0.3 (fatta eccezione per l’alopecia o altre tossicità
non ritenute un rischio per la sicurezza del paziente a discrezione del ricercatore).

 

Criteri di esclusione: 

1. Stato HR o HER2 sconosciuto.
2. Malattia HER2-positiva sulla base di risultati di laboratorio locali [ottenuti con tecniche di
immunochimica/ibridazione fluorescente in situ (FISH)].
3. Pazienti con carcinoma mammario localmente avanzato candidate a un trattamento locale con
intento radicale.
4. Controindicazione formale alla terapia endocrina.
5. Patologie progressive del sistema nervoso centrale.
6. Pazienti con malattia non misurabile/valutabile esclusiva.
7. Altri tumori maligni nei cinque anni precedenti, fatta eccezione per tumore cutaneo a cellule
basali o cellule squamose o carcinoma in situ della cervice adeguatamente trattati.
8. Interventi chirurgici importanti (definiti come interventi che richiedono anestesia generale) o
lesioni traumatiche significative nelle quattro settimane precedenti l’assunzione del farmaco oggetto
dello studio, oppure pazienti che non si sono ancora ristabilite dagli effetti collaterali di un qualsiasi
intervento chirurgico importante, oppure pazienti che necessitano di interventi chirurgici importanti
nel corso dello studio.
9. Pazienti con diatesi emorragica attiva, diatesi emorragica pregressa o sottoposte a trattamento
anticoagulante (l’uso di eparina a basso peso molecolare è consentito, purché essa sia impiegata
con intento profilattico).
10. Presenza di un disturbo sistemico grave concomitante (vale a dire, un’infezione attiva, HIV
incluso, o una malattia cardiaca) ritenuto incompatibile con lo studio (a discrezione del ricercatore).
11. Incapacità di deglutire compresse.
12. Pregressa sindrome da malassorbimento o altra patologia che potrebbe interferire con
l’assorbimento enterale.
13. Terapia cronica giornaliera a base di corticosteroidi a una dose di ≥10 mg/die di
metilprednisolone equivalente (fatta eccezione per gli steroidi per inalazione).
14. QTc >480 ms nelle valutazioni al basale, pregressa sindrome del QT lungo o corto, sindrome di
Brugada oppure accertato prolungamento del QTc pregresso o sindrome da torsade de pointes
(TdP).
15. Squilibri elettrolitici non controllati in grado di aggravare gli effetti di un farmaco per il
prolungamento dell’intervallo QTc (quali ipocalcemia, ipopotassiemia o ipomagnesemia).
16. Nota ipersensibilità agli eccipienti di palbociclib.
17. Partecipazione a uno studio clinico interventistico nei 30 giorni precedenti l’inizio del
trattamento oggetto dello studio.

Numero di pazienti previsti: 

33 Pazienti

Schema di trattamento: 

Palbociclib

Trattamento sperimentale: 

Palbociclib sono capsule contenenti 75 mg, 100 mg o 125 mg di principio attivo.
Le pazienti riceveranno capsule orali di palbociclib
per 21 giorni ogni quattro settimane in associazione a una terapia endocrina (a scelta del medico
sulla base del principio attivo somministrato in precedenza, tamoxifene, exemestano, fulvestrant,
anastrozolo o letrozolo inclusi).
Alle pazienti sarà somministrato il trattamento fino a progressione della malattia (fatta eccezione per
le pazienti che sviluppano progressione isolata nel cervello), tossicità inaccettabile, decesso o
sospensione del trattamento oggetto dello studio per qualsiasi altra ragione.

 

 

Trattamento di controllo: 

n.a.

Obiettivi primari dello studio: 

Obiettivo biologico: caratterizzare i pattern molecolari di resistenza
[con particolare attenzione allo stato del retinoblastoma (Rb)] in presenza di progressione al
palbociclib più terapia endocrina in pazienti che avevano precedentemente ottenuto un beneficio
clinico da tale associazione. I marcatori biologici analizzati devono coprire l’intero asse CDK4/6-
ciclina D-Rb, compresa la ciclina D ed E, in quanto quest’ultima sembra svolgere un ruolo importante
nel meccanismo di resistenza al palbociclib.
• Obiettivo clinico: definire l'attività clinica dell'associazione di palbociclib e terapia endocrina
successivamente a una precedente progressione al palbociclib in pazienti sensibili alla terapia
endocrina.

Centri partecipanti

Nord Italia

Istituto Europeo di Oncologia
Via Ripamonti 435 - 20141 Milano - MI
Dipartimento di Oncologia

Riferimento: Prof. Giuseppe Curigliano
Telefono: 0257489599
Email: giuseppe.curigliano@ieo.it

 

Azienda Ospedaliera Santa Maria della Misericordia
Piazzale Santa Maria della Misericordia 15 - 33100 Udine - UD
Dipartimento di Oncologia

Riferimento: Dr. Alessandro Minisini
Telefono: 0432559304
Email: alessandro.minisini@asuiud.sanita.fvg.it

 

Sud Italia e isole

ASL Brindisi
Via Napoli 8 - 72100 Brindisi - BR
Dipartimento di Oncologia

Riferimento: Dr. Saverio Cinieri
Telefono: 0831537431
Email: saverio.cinieri@ieo.it

Informazioni Generali

Protocollo

Numero di iscrizione a registro: 2015-003892-31

Data di inserimento: 08.03.2018

Promotore

BioPER

CRO

n.a.

Principal Investigator ITALIA

Istituto Europeo di Oncologia di Milano

Riferimento: Prof. Giuseppe Curigliano

Telefono: 0257489599

Email: giuseppe.curigliano@ieo.it

Localita: Milano

 

<< Torna a "Tutti gli studi"