ServiziMenu principale

<< Torna a "Studi Fase I"

Studio di fase Ib/II, in aperto, multicentrico, con MCS110 in associazione a PDR001 in pazienti con neoplasie in stadio avanzato - CMCS110Z2102

Studio Clinico

Patologia: Neoplasie della mammella, Tumori dell’utero, Carcinoma del pancreas esocrino, Melanoma

Osservazionale-Sperimentale: Sperimentale

Monocentrico-Multicentrico: Multicentrico

Randomizzato: No

Fase di studio: I, I B, II

Richiesta mandatoria di tessuto: 

Linee di trattamento: Prima linea, Seconda linea, Terza/N linea

Criteri di inclusione: 

1. Consenso informato scritto ottenuto prima di qualsiasi procedura.
2. Età > 18 anni.
3. Parte di Fase Ib: Pazienti con melanoma, carcinoma endometriale, carcinoma pancreatico o TNBC in stadio avanzato, con malattia misurabile o non misurabile, determinata in base a RECIST versione 1.1, che hanno manifestato progressione nonostante terapia standard o sono intolleranti alla terapia standard o per i quali non esiste terapia standard.
4. Parte di Fase II: Pazienti con tumori solidi in stadio avanzato, con almeno una lesione misurabile, determinata in base a RECIST versione 1.1, che hanno ricevuto terapia standard (non più di tre linee di trattamento precedenti) o sono intolleranti alla terapia standard, hanno manifestato progressione dopo l’ultima terapia precedente e rientrano in uno dei gruppi seguenti:
• Gruppo 1: TNBC che non ha ricevuto trattamento precedente con anti PD-1/PD-L1
• Gruppo 2: Carcinoma pancreatico che non ha ricevuto trattamento precedente con anti PD-1/PD-L1
• Gruppo 3: Carcinoma endometriale che non ha ricevuto trattamento precedente con anti PD-1/PD-L1
• Gruppo 4: Melanoma che ha manifestato progressione durante il trattamento precedente diretto con anti PD-1/PD-L1
5. ECOG Performance status < 2.
6. I pazienti devono avere una localizzazione di malattia candidata alla biopsia ed essere candidati alla biopsia tumorale in base alle linee-guida dell’istituzione in cui sono trattati. I pazienti devono essere disposti a sottoporsi a una nuova biopsia del tumore allo screening e durante la terapia in questo studio. I pazienti con tessuto tumorale archiviato disponibile, raccolto meno di 6
mesi prima dell’inizio dello studio non devono sottoporsi a una biopsia tumorale allo screening.

Criteri di esclusione: 

1. Presenza di metastasi del sistema nervoso centrale sintomatiche o metastasi del sistema nervoso centrale che richiedono terapia locale diretta al sistema nervoso centrale (quali radioterapia o intervento chirurgico). I pazienti con metastasi cerebrali trattate devono presentare condizioni neurologiche stabili (per 4 settimane post-trattamento e prima dell’arruolamento nello studio) e non devono essere in terapia con corticosteroidi per almeno 2 settimane precedenti la somministrazione di qualsiasi trattamento in studio.
2. Anamnesi positiva per reazioni da ipersensibilità gravi ad altro anticorpo monoclonale (mAbs).
3. Pazienti con i seguenti valori di laboratorio fuori range definiti da:
• Clearance della creatinina (calcolata utilizzando la formula di Cockcroft-Gault o misurata) < 40 mL/min.
• Bilirubinemia totale > 1,5 x ULN, a eccezione dei pazienti con sindrome di Gilbert che saranno esclusi se la bilirubinemia totale sarà > 3,0 x ULN o la bilirubina diretta > 1,5 x ULN.
• Alanina-aminotrasferasi (ALT) > 3 x ULN.
• Aspartato-aminotrasferasi (AST) > 3 x ULN.
• Conta neutrofila assoluta (ANC) < 1,0 x 109/L
• Piastrine < 100 x 109/L
• Emoglobina < 9 g/dL
4. Compromissione della funzionalità cardiaca o cardiopatie clinicamente rilevanti, comprese una qualsiasi delle seguenti:
• Cardiopatia clinicamente rilevante e/o non controllata quale scompenso cardiaco congestizio che richiede trattamento (NYHA di grado > 2), ipertensione non controllata o aritmia clinicamente rilevante.
• QTcF > 470 msec all’ECG di screening o sindrome congenita del QT lungo.
• Infarto miocardico acuto o angina instabile < 3 mesi prima dell’ingresso nello studio.
5. Malattia autoimmune attiva o anamnesi positiva documentata per malattia autoimmune entro tre anni prima dello screening, comprese le seguenti:
• Anamnesi positiva documentata di malattia infiammatoria intestinale (colite ulcerosa o malattia di Crohn entro tre anni).
• Diverticolite in fase attiva recente (< 12 mesi).
• I pazienti con vitiligine o asma/atopia dell’infanzia risolte e diabete mellito di tipo I, ipotiroidismo residuo dovuto a una malattia autoimmune e che richiedono solo terapia ormonale sostitutiva non saranno esclusi.
6. Infezione in fase attiva che richiede terapia antibiotica sistemica.
7. Infezione del virus dell’immunodeficienza acquisita (HIV) nota (il test non è obbligatorio).
8. Infezione del virus dell’epatite B (HBV) o dell’epatite C (HCV) in fase attiva o portatori/infezioni di HBV/HCV che richiedono terapia antivirale (i test sono obbligatori).
9. Neoplasia diversa da quella trattata in questo studio. Eccezioni a questo criterio di esclusione comprendono i seguenti: neoplasie che sono state trattate curativamente e che non hanno presentato recidiva entro 2 anni prima del trattamento in studio; carcinomi cutanei a cellule basali e a cellule squamose completamenti escissi; qualsiasi neoplasia considerata indolente e che non ha mai richiesto trattamento e carcinoma in situ di qualsiasi tipo, completamente escisso.
10. Qualsiasi condizione clinica che possa, secondo l’opinione dello sperimentatore, compromettere la partecipazione del paziente nello studio clinico a causa di problemi di sicurezza d’impiego, l’aderenza alle procedure dello studio o l’interpretazione dei risultati dello studio.
11. Terapia antitumorale sistemica entro 2 settimane o 5 x T1/2, qualunque sia più lungo, prima della somministrazione della prima dose del trattamento in studio. Per i farmaci citotossici che hanno tossicità maggiore ritardata, per esempio mitomicina-C e nitrosourea, il periodo di washout indicato è di 4 settimane. Nei pazienti che ricevono CTLA-4, antagonisti PD-1 o PD-L1 il periodo di washout indicato è di 6 settimane.
12. Pazienti che necessitano di trattamento cronico con corticosteroidi sistemici o qualsiasi altra terapia immunosoppressiva, diversa dalla terapia corticosteroidea sostitutiva nel contesto dell’insufficienza surrenalica. I corticosteroidi topici, inalatori, per via nasale e i colliri sono consentiti.
13. Impiego di qualsiasi vaccino vivo contro malattie infettive (per esempio varicella, pneumococco) entro 4 settimane dall’inizio del trattamento in studio.
14. Intervento chirurgico maggiore entro 2 settimane dalla prima dose del trattamento in studio (la mediastinoscopia, l’inserzione di un dispositivo di accesso venoso centrale e l’inserzione di un sondino nasogastrico non sono considerati interventi chirurgici maggiori).
15. Radioterapia entro 2 settimane dalla somministrazione della prima dose del trattamento in studio, a eccezione di radioterapia palliativa a campo limitato. Per consentire la valutazione della risposta al trattamento, i pazienti arruolati nella parte di Fase II devono presentare malattia misurabile rimanente che non sia stata irradiata.
16. Partecipazione a uno studio sperimentale interventistico entro 2 settimane prima della prima dose del trattamento in studio.
17. Presenza di tossicità di Grado CTCAE > 2 (escluse alopecia, neuropatia periferica e ototossicità, che sono escluse se di Grado CTCAE > 3) dovuta alla terapia antitumorale precedente.
18. Uso di fattori di crescita ematopoietici stimolanti le colonie (ad es. G-CSF, GM-CSF, M-CSF) < 2 settimane prima dell’inizio del farmaco in studio. I pazienti devono aver completato la terapia con qualsiasi fattore di crescita ematopoietico stimolante le colonie almeno 2 settimane prima dell’inizio del periodo di screening. E’ consentito l’uso di un agente stimolante l’eritropoiesi se è stato iniziato almeno 2 settimane prima della prima dose del trattamento in studio.
19. Donne in gravidanza o allattamento, dove la gravidanza è definita dallo stato di una donna dopo il concepimento e fino al termine della gestazione, confermato da un test di laboratorio positivo per l’hCG.
20. Le donne potenzialmente fertili, definite come ogni donna fisiologicamente in grado di rimanere gravida, non possono partecipare al presente studio a meno che non utilizzino un metodo contraccettivo di efficacia elevata durante il trattamento e per 3 mesi dopo l’ultima dose del trattamento in studio (sia MCS110 sia PDR001). Metodi contraccettivi di efficacia elevata
comprendono:
• Astinenza completa dai rapporti sessuali, se questa è coerente con lo stile di vita preferito e usuale della paziente. L’astinenza periodica (secondo calendario, ovulazione, sintotermica o postovulazione) e il coitus interruptus non sono metodi di contraccezione accettabili.
• Sterilizzazione femminile (rimozione chirurgica bilaterale delle ovaie con o senza isterectomia), o legatura delle tube almeno 1,5 mesi prima dell’assunzione del trattamento in studio. Nel caso della sola ovariectomia lo stato riproduttivo della donna deve essere confermato dal follow up del livello ormonale.
• Sterilizzazione maschile (almeno 6 mesi prima dello screening). Per le pazienti donne in studio il partner sterilizzato deve essere l’unico partner.
• Impiego di contraccezione ormonale per via orale, iniezione o impianto o posizionamento di un dispositivo intrauterino (IUD) o di un sistema intrauterino (IUS) o impiego di altre forme di contraccezione ormonale di efficacia comparabile (tasso di insuccesso < 1%), ad esempio anello ormonale vaginale o contraccezione ormonale transdermica.
Nel caso di contraccezione orale le donne devono aver assunto dosi stabili dello stesso contraccettivo ormonale per via orale per un minimo di 3 mesi prima dell’assunzione del trattamento in studio.
Le donne sono considerate in post-menopausa e quindi non potenzialmente fertili se hanno avuto 12 mesi di amenorrea fisiologica (spontanea) con un profilo clinico adeguato (ad esempio età appropriata, anamnesi positiva per sintomi vasomotori) o sono state sottoposte a ovariectomia bilaterale (con o senza isterectomia), a isterectomia totale o a legatura delle tube almeno 1,5 mesi prima. Nel caso della sola ovariectomia le donne sono considerate non potenzialmente fertili solo se
lo stato riproduttivo viene confermato da un follow up dei livelli ormonali.
21. I pazienti sessualmente attivi devono utilizzare un preservativo durante i rapporti sessuali, durante l’assunzione del trattamento in studio e per 3 mesi dopo il termine del trattamento in studio e non devono concepire un figlio nello stesso periodo di tempo. Anche i pazienti vasectomizzati devono utilizzare un preservativo per prevenire il passaggio del farmaco nel liquido seminale.

Trattamento sperimentale: 

MCS110, PDR001

Trattamento di controllo: 

NA

Obiettivi primari dello studio: 

Fase Ib:
Valutare la sicurezza d’impiego e la tollerabilità di MCS110 in associazione a PDR001 in pazienti con tumori solidi in stadio avanzato e identificare una dose raccomandata dell’associazione per la Fase II.
Fase II:
Valutare l’attività antitumorale dell’associazione di MCS110 e PDR001.

Centri partecipanti

Nord Italia

IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori
Via Venezian 1 - 20133 Milano - MI

Riferimento: Prof. Filippo De Braud
Telefono: 0223902148
Email: filippo.debraud@istitutotumori.mi.it

 

Istituto Europeo di Oncologia
Via Ripamonti 435 - 20141 Milano - MI

Riferimento: Dr. Giuseppe Curigliano
Telefono: 0257489599
Email: giuseppe.curigliano@ieo.it

Informazioni Generali

Protocollo

Numero di iscrizione a registro: 2016-000210-29

Data di inserimento: 08.05.2018

Promotore

Novartis Pharma S.p.A.

CRO

NA

Principal Investigator ITALIA

Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale dei Tumori, Milano

Riferimento: Prof. Filippo De Braud

Telefono: 0223902148

Email: filippo.debraud@istitutotumori.mi.it

Localita: Milano

 

<< Torna a "Studi Fase I"